I Fantalpici – Ferrata Carlo Campalani


GRUPPO DEL CAREGA
VIA FERRATA “CARLO CAMPALANI” EEA
12 giugno 2011

La via ferrata “Montalbano Ottorino Marangoni” di Mori rimane chiusa fino al 31 luglio per lavori di manutenzione straordinaria. Si è pensato quindi di sostituire il percorso in calendario con un’altra ferrata, in questo caso sicuramente più facile dell’altra e alla portata di molti, e in un ambiente ben diverso e se si vuole assai più appagante.

Descrizione del percorso.
Dal rifugio Revolto 1336m, dove termina la strada che attraversa la Valle di Rivolto (o d’Illasi), si prende il sentiero 189 che porta al Passo Pertica 1522m. Da qui si imbocca la lunga carrareccia che come segnavia porta il numero 109 e si dirige verso nord-est in direzione del rifugio Scalorbi. Attraversata in questo modo l’Alpe di Campobrun e lasciata alle spalle la malga omonima, in prossimità del rifugio Scalorbi 1767m si piega decisamente a sinistra (direzione nord) per il sentiero 192 e, giunti ad un bivio 1901m, si prende ancora a sinistra fino a portarsi nel punto dove inizia la ferrata. L’attacco (1950m ca) un poco acrobatico e di forza, pur aiutato da un paio di pioli e una catena costituisce il punto più difficile dell’intero tratto attrezzato. Dopo essersi innalzati su roccia ben appigliata, si percorre un lungo traverso fino a portarsi alla base di un camino di cui si dovrà risalire l’interno e che rappresenta l’altro momento impegnativo della ferrata. L’ultimo tratto, ormai senza cavo, si svolge lungo una non difficile cresta aerea che porta al rifugio Fraccaroli 2238m, alla base di Cima Carega 2259m. Dopo essere saliti in vetta, si scende per il sentiero 157 fino a raggiungere Bocchetta Mosca e da qui si prosegue continuando ad abbassarsi lungo il sentiero 192, che porta al rifugio Scalorbi. Ritornati al Passo Pertica percorrendo la carrareccia dell’andata, se il tempo e le circostanze lo permettono, chi vuole può cimentarsi con la breve ma croccante ferrata “Biasin” (classificata difficile) che si impenna con spettacolare verticalità sopra i tavoli del rifugio.

  • Punto di partenza: rifugio Revolto 1336m
  • Punto di arrivo: Cima Carega 2259m
  • Dislivello complessivo: circa 950 m
  • Tempo di Percorrenza: circa 7 ore
  • Livello di difficoltà: EEA (ferrata medio/facile)
  • Cartografia: Sezioni Vicentine del CAI, Sentieri Pasubio Carega – Foglio Sud 1
  • Attrezzatura: imbragatura completa anche della parte superiore, dissipatore, casco, cordini e moschettoni a norma CE
  • Accompagnatori: Marco Bulgarelli 3204676258, Alberto Gavioli 3355921358, Paolo Lottini 3356938728
  • Ritrovo: ore 6,30 parcheggio CAI Carpi
  • Percorso automobilistico: Carpi, Verona Est, Giazza, parcheggio rif. Revolto
  • Quota di partecipazione: 5 €
  • Prenotazione: entro venerdì 10 giugno

Molto importante: SIETE TUTTI INVITATI A FINE GITA A FESTEGGIARE CON CIBO, TORTE E BUON VINO

Questa voce è stata pubblicata in I Fantalpici, News e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink. 436 visite Stampa Articolo

Una risposta a I Fantalpici – Ferrata Carlo Campalani

  1. Paolo Lottini scrive:

    E’ sempre un bel giro! Grazie a tutti coloro che hanno partecipato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>