Regolamento gite sociali

  1. Le gite sociali proposte dal Club Alpino Italiano Sezione di Carpi, hanno lo scopo principale di favorire e diffondere la pratica dell’escursionismo montano; esse vengono organizzate dalla commissione Escursionismo che ne cura lo svolgimento per mezzo di accompagnatori, i quali operano volontariamente e gratuitamente.
  2. La partecipazione alle gite è normalmente aperta a tutti coloro che lo desiderano. I partecipanti non in regola con il tesseramento devono stipulare una copertura assicurativa, con il pagamento della quota giornaliera e con i termini previsti dalla sede Centrale. I minorenni possono partecipare alle gite solo se autorizzati da chi esercita nei loro confronti la “potestà dei genitori” ed accompagnati da persona responsabile che si assume personalmente in proprio tutti i conseguenti rischi.
  3. Il rapporto che si instaura, durante le gite, tra gli accompagnatori ed i partecipanti si configura nella fattispecie dello “accompagnamento volontario gratuito per spirito associativo, per amicizia o per mera cortesia; di tipo non professionale”.
  4. La frequentazione della montagna è soggetta a pericoli che comportano rischi; gli organizzatori ed accompagnatori adottano misure di prudenza e di prevenzione, derivanti dalla loro esperienza, per contenere, in entità e probabilità, tali rischi durante lo svolgimento delle gite, ma non assumono responsabilità alcuna al riguardo. Ogni partecipante è consapevole a priori dell’esistenza dei suddetti pericoli e, con la sua partecipazione alla gita, assume personalmente in proprio tutti i conseguenti rischi, nonché le responsabilità per i danni che può arrecare, direttamente o indirettamente, ad altri.
  5. E’ facoltà degli organizzatori ed accompagnatori di modificare programmi ed itinerari delle gite, anche durante lo svolgimento delle stesse.
  6. I partecipanti devono presentarsi puntualmente in tali località pena l’esclusione dalle gite, non essendo prevista l’attesa dei ritardatari. Nel caso di viaggi organizzati con trasporto in pullman, la responsabilità del viaggio compete al vettore e l’obbligo di puntualità è riferito agli orari stabiliti per le partenze (andata e ritorno) del mezzo.
  7. I partecipanti devono essere muniti di indumenti ed attrezzi completi, idonei ed efficienti, nonché idonei al tipo di gita cui partecipano, essendo l’equipaggiamento personale anche un importante fattore di sicurezza; essi devono inoltre possedere un grado di preparazione adeguato alle gite in programma.
  8. Per le gite sociali organizzate in ambiente innevato è obbligatorio essere equipaggiati con ARTVA, pala e sonda. Vista la limitata disponibilità del noleggio di questa attrezzatura anche presso i negozi specializzati, consigliamo a  coloro che ne fossero sprovvisti, di prenotarla con largo anticipo rispetto alla data della gita stessa.
  9. Per le gite che prevedono pernottamenti e/o trasferimenti in pullman, di norma, è richiesta una caparra. In caso di mancata partecipazione, sarà restituito il 50% dell’importo versato, fatto salvo particolari situazioni ove le caparre siano trattenute interamente dal gestore della struttura o dalla società di trasporto. In questo caso la caparra versata non potrà essere restituita.
  10. Fermo quanto precisato al punto 3) del presente Regolamento, i partecipanti sono invitati a seguire diligentemente le indicazioni via via fornite loro, durante la gita, dagli accompagnatori ed a collaborare con essi per la buona riuscita della medesima.
  11. Tutti, accompagnatori e partecipanti, devono tenere in ogni circostanza un comportamento civile corretto e coerente con i principi dell’etica alpinistica.
  12. Le gite sociali sono attività del CAI e perciò, oltre al presente Regolamento, sono subordinate anche allo Statuto e Regolamento del CAI centrale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>