Dante Colli presenta il suo ultimo libro “L’Alpinismo Carpigiano dal ‘700 ai giorni nostri”

Martedì 22 dicembre ore 20.30 in Diretta streaming  su Facebook e YouTube, presentazione del libro:

L’ALPINISMO CARPIGIANO DAL SETTECENTO AI GIORNI NOSTRI
di Dante Colli
Conduce la serata il giornalista di RAI 3 Nelson Bova
Interventi di Marco Bulgarelli e Maria Luisa Rebecchi
A fine presentazione l’autore risponderà alle domande dei partecipanti

Link alla diretta Facebook: https://www.facebook.com/clubalpinocarpi/live
Link alla diretta YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=jbiaQEebAH8

In occasione del 75° Anniversario della Sezione CAI di Carpi e del 50° della costruzione del Rifugio Città di Carpi, situato ai piedi dei Cadini di Misurina, l’instancabile Socio e scrittore Dott. Dante Colli presenterà la sua ultima fatica “L’Alpinismo Carpigiano dal 700 ai giorni nostri”, un libro dedicato al rapporto dei carpigiani con la montagna e alla Sezione di Carpi del Club Alpino Italiano.

La pubblicazione parte dal XVIII secolo con le prime documentate salite dei carpigiani sulle cime dei nostri Appennini per arrivare ai giorni nostri, passando per la storia della  Sezione CAI Carpi, dove in ordine cronologico, ne vengono narrate la nascita, la vita sezionale, le attività, la genesi del Rifugio Città di Carpi, i protagonisti e gli avvenimenti più importanti di questi ultimi 75 anni di vita. Il tutto sapientemente raccontato con maestria attraverso i personaggi e le loro imprese. La pubblicazione è arricchita da tantissime foto inedite che mai come in questo periodo di “restrizioni”, regaleranno al lettore appassionato di montagna tante belle emozioni.

Si dice che “bisogna conoscere il passato per capire il presente e orientare il futuro”, per i Soci sarà quindi un’ulteriore opportunità per comprendere e apprezzare ancora di più il lavoro che svolge la nostra amata Sezione.

Paolo Lottini

colliDante Colli, Ottimo scrittore e brillante alpinista, grande conoscitore del mondo dolomitico, dove ha compiuto più di mille scalate, tra cui un centinaio di vie nuove e tutti i tremila. Dante è certamente uno dei maggiori studiosi specialisti della storia dell’alpinismo e della scalata, non solo in campo nazionale. Ricopre da anni cariche importanti nella direzione del Club Alpino Italiano. Ha saputo abbinare queste doti in alcune opere dedicate ai “grandi” del passato, e particolarmente alle biografie di Winkler e di Duelfer. Per le quali non si è limitato a raccogliere accuratamente dati di vita, di professione e della  loro attività alpinistiche, ma ha voluto ripetere di persona le scalate dei suoi protagonisti per conoscere più profondamente la loro psiche nel loro rapporto con la montagna e l’arrampicata.