Fantalpici After Xmas – Castello di Canossa e Castello di Rossena

Castello di Canossalogo-fantalpici natale Appennino reggiano
26 DICEMBRE 2017

Per quest’anno, la classica uscita After Christmas non sarà in quota, ma abbiamo scelto di dedicare questa giornata al camminare lento e alla cultura, con una bella e panoramica escursione nel cuore delle terre di Matilde di Canossa. Un giro a bassa quota ma di tutto rispetto, dove avremo la possibilità di capire meglio chi era Matilde e scoprire da vicino questo bel territorio. Ultimo ma non per questo meno importante, alcune osterie allevieranno le “fatiche” dell’escursione.

Descrizione del percorso:

Da Vico d’Enza si sale sul suggestivo sentiero costeggiando il Rio Vico, si attraversa un bosco e si sbuca sugli splendidi calanchi nelle adiacenze del Castello di Canossa e del complesso di Riverzana, borgo caratterizzato da una casa a torre in restauro. Dal Borgo si sale ancora fino alla strada provinciale e alla salita che subito a destra porta direttamente al Castello. Continua a leggere

Cena degli Auguri di Natale

cena natale

Per cause di forza maggiore  non dipendenti dalla nostra volontà, la cena si terrà  presso la Sala delle Feste della Parrocchia di Quartirolo.

Sabato 16 Dicembre 2017 alle ore 20.00 Sala delle Stagioni
CENA DEGLI AUGURI DI NATALE

Consueta cena di fine anno organizzata dal Club Alpino Italiano Sezione di Carpi.

Questo il menù:

  • Lasagne
  • Cotechino con fagioli e spinaci
  • Frutta
  • Semifreddo
  • Caffè
  • Nocino

Tutti i Soci, amici e simpatizzanti sono invitati a partecipare.
Si prega di prenotare entro il 9 dicembre direttamente in Sede o per telefono allo 059696808, nelle serate di apertura.
Vi aspettiamo.

I Fantalpici – Cima Parì

I FANTALPICI
CAI Carpi
Domenica 5 Novembre 2017
Domenica 12 Novembre 2017
Cima Parì 1991 mt (EE)
Alpi di Ledro

CAUSA MALTEMPO, L’USCITA E’ STATA POSTICIPATA A DOMENICA 12 NOVEMBRE.

Descrizione
Partenza da Malga Trat da dove, in 20 minuti circa si raggiunge la Bocca di Trat. Sono possibili due percorsi: a sinistra su ampia carrareccia chiusa al traffico che transita nel bosco oppure a destra su facile sentiero, un breve tratto ripido e poi falsopiano sino all’ampia sella. Dalla Bocca di Trat (m 1587) giá si vede il rifugio Nino Pernici (m 1601), ottimo punto d’appoggio posto in splendida posizione sovrastato a nord dalle guglie della Mazza e del Corno di Pichèa. Lo raggiungiamo su facile sentiero, godendo del magnifico panorama sul Lago di Garda. Continua a leggere

5 Novembre – Da Castelletto di Brenzone a San Bartolomeo

Domenica 5 novembre 2017
Da Castelletto di Brenzone sul Lago di Garda a San Bartolomeo

Bel percorso panoramico tra la collina e la bassa montagna con splendide vedute verso il Lago di Garda.

  • Dislivello: + m. 850 / – m. 300
  • Tempo di percorrenza: h. 5
  • Partenza: ore 6.45 dal piazzale delle Autocorriere di Carpi
  • Località di partenza: Castelletto di Brenzone
  • Località di arrivo: San Zeno di Montagna
  • Difficoltà: E
  • Prenotazioni e Informazioni: In Sede nelle serate di apertura, chiedere di Luisa o Ernestina

22 Ottobre – Dal Lago Santo modenese all’Abetone

22 Ottobre 2017
Dal Lago Santo Modenese all’’Abetone… Lungo l’antica Via dei Remi
Con gli accompagnatori del Corso Escursionismo Base

Verrebbe da chiedersi… Cosa mai c’azzeccano i remi con l’ Appennino Modenese?
Eppure tra il XVI e XVII secolo questo attrezzo aveva un legame particolare con i nostri monti ed in particolari con gli alberi del bosco. Difatti gli abeti ed i faggi delle foreste di Cutigliano e dell’Abetone (che al tempo non esisteva ma la zona era conosciuta come passo di Boscolungo) ben si prestavano alla realizzazione di alberi ma soprattutto remi da impiegarsi nella costruzione di “galere” (nome delle antiche navi militari e mercantili utilizzate nel Mediterraneo) per il Granducato di Toscana.
Restava il problema del trasporto fino a Pisa, sede dell’arsenale; tenendo presente che al tempo le strade di montagna erano tutt’al più mulattiere disagevoli, chiaramente il sistema più semplice sarebbe stato il far fluttuare i tronchi fino al mare. Purtroppo la Lima, il fiume che nasce nella zona, non aveva una portata utile e comunque più a valle il suo percorso entrava nel territorio del Ducato di Lucca, stato con cui non correvano buoni rapporti. Continua a leggere

14 Ottobre – Gita alla Villa Reale di Monza

Sabato 14 ottobre 2017 (Gita inizialmente prevista per il 23 settembre, spostata  per cause di forza maggiore).
Monza, Villa Reale – Centro Storico – (T/E)
Accompagna: Dr. Alfonso Garuti

Programma:
Partenza ore 6:30 P.zzale autocorriere.
In mattinata visita della Villa Reale e del Parco della Reggia di Monza.
Nel pomeriggio visita della Cattedrale con la Cappella di Teodolinda.

Iscrizioni e informazioni in Sede negli orari di apertura.

I Fantalpici – Castello di Moschesin

I Fantalpici
Castello di Moschesin 2.499 m
Domenica 15 ottobre 2017

Descrizione.
Si prende il sentiero 543 in direzione Sud (alta via n°1) fino al bivio verso forcella larga, che si raggiunge risalendo il ghiaione. Da qui si seguono i segni rossi verso destra (Sud) fino allo stretto intaglio di forcella stretta. Si affronta un camino di 1° grado e si prosegue tra gradoni di roccia fino a un altro camino, più lungo ma con roccia solida, sempre di 1° grado. Ancora gradoni e sfasciumi di roccia fino alla bellissima appuntita cima a quota 2.499 (3,30 h circa). Si scende ripercorrendo a ritroso lo stesso itinerario.

  • Percorso: circa 16 km a-r
  • Dislivello salita: circa  1.100  m
  • Percorrenza: circa 6.30 ore
  • Difficoltà: EE – A – F+
  • Attrezzatura: casco, imbrago, cordini, moschettoni: data la stagione avanzata, necessari i ramponi.
  • Cartografia: Tabacco 025  Dolomiti di Zoldo Cadorine e Agordine
  • Percorso stradale: A 22 Brennero fino a Verona, deviazione in A 4 verso Venezia fino a incrocio con A 27 direzione Belluno uscita Ponte delle Alpi. Proseguire fino a Longarone dove si prende la deviazione a sinistra verso Zoldo (provinciale 251). Superato Forno di Zoldo si arriva all’ abitato di Dont (20 km dopo Longarone) dove bisogna deviare a sinistra, direzione Agordo – passo Duran. Due km dopo il passo si parcheggia presso un’ampia curva (quota 1.500).
  • Contributo di partecipazione: 5€ (soci Cai)
  • Accompagnatori: Bulgarelli Marco 320/4676258, Paolo Lottini 335/6938728
  • Ritrovo: ore 5.35 parcheggio CAI
  • Molto importante: a fine gita ogni partecipante è invitato a festeggiare con tante buone cose da mangiare, torte squisite e vino eccellente.

7° Corso di Introduzione alla Speleologia

Il corso di introduzione alla speleologia ha lo scopo di fornire una base tecnica e culturale per la pratica della speleologia.

Il Corso si articola in  lezioni teoriche e giornate di attività pratica in palestra e in grotta.

L’iscrizione al Corso è  aperto ai soci CAI che abbiano compiuto 15 anni. Per i minori è richiesta l’autorizzazione di entrambi i genitori o di chi ne fa le veci.

La quota d’iscrizione di € 110 va versata all’atto dell’iscrizione e comprende tutta l’attrezzatura, le dispense didattiche e la copertura assicurativa. L’iscrizione al CAI è obbligatoria.

La direzione del corso è affidata all’ IS  Marcello  Borsari, istruttore di speleologia della Scuola nazionale di speleologia coadiuvato da altri istruttori della medesima scuola www.sns-cai.it. Continua a leggere

8 Ottobre – Il Sentiero del Castagno da Bressanone a Chiusa

sent-castagnoDomenica 8 ottobre 2017
Emozioni d’Autunno
Sentiero del Castagno
Da Bressanone a Chiusa

Il sentiero del Castagno (Keschtnweg in tedesco) si snoda tra prati, frutteti e vigneti per strade e vie campestri, attraverso paesi, masi e boschi fitti e impenetrabili. Si passa su colline panoramiche con pittoresche chiesette e castelli vicino a pareti rocciose e spettacolari cascate, accompagnati dalla costante presenza di castagneti e giganteschi tronchi centenari dalle bizzarre ramificazioni, simbolo del nostro itinerario.
Vario si presenta il panorama: dalle Alpi Aurine alle Odle e allo Sciliar.
Tutto il sentiero del Castagno completo parte da Novacella, a nord di Bressanone, e porta a Castel Roncolo presso Bolzano. Si sviluppa per una lunghezza di 61 km. e presenta dislivelli per un totale di 2000 m.
Noi effettueremo la tappa da Bressanone a Chiusa.

  • Dislivello: + 600 – 600
  • Lunghezza: km. 15 circa
  • Tempo di percorrenza: h. 6
  • Difficoltà: E
  • Partenza da Carpi h. 6 p.le Autocorriere Via Peruzzi
  • Prenotarsi in Sede il martedì e venerdì dalla 21.00 alle 23.00 o telefonando allo 059696808