I Fantalpici – Monte Grondilice

I FANTALPICI
Monte Grondilice 1809 m
Alpi Apuane
Domenica 30 Maggio 2021
Difficoltà EE

Prenotazione solo online compilando il modulo a fondo pagina

Quinta vetta delle Apuane per altezza, il Monte Grondìlice 1809m è una gigantesca muraglia allungata dall’aspetto dolomitico. La sua anticima occidentale, più bassa di una ventina di metri rispetto alla principale, fa da nodo tra la Garfagnana e la Lunigiana. Dalla cima il panorama è spettacolare, si vedono benissimo il Sagro, il Pizzo d’Uccello, il Pisanino, il Cavallo, la Tambura, l’Altissimo, la Pània della Croce e nelle giornate più limpide anche la Corsica.

Descrizione del percorso
Lasciate le auto app Rifugio Donegani 1150m si prende il sentiero che sale ad una cava di marmo dove imbocchiamo a destra il sentiero che porta alla Foce di Giovo 1500m, dove a destra si stacca il sentiero per la via normale del Pizzo d’Uccello. Noi prendiamo a sinistra sul segnavia 179  che costeggia la cresta del Garnerone fino ad arrivare in prossimità del Rifugio Orto di Donna. Si sale ora sul sentiero 186 che sale in direzione ovest fino alla Finestra del Grondilice 1744m. Abbandonato il sentiero si inizia la salita alla cima sulla via normale che con qualche breve salto di roccia ci porta alla cima arrotondata del Monte Grondilice 1809m. Si ritorna ora alla Finestra del Grondilice e di riascende al Rifugio Orto di Donna 1500m. Dopo una meritata sosta si scente per la strada marmifera che riporta alla cava e al Rifugio Dunegani.

Continua a leggere

2 giugno – Fantalpici sul Monte Tambura

I Fantalpici
Monte Tambura 1890m – 
Alpi Apuane
2 giugno 2019

Visto l’innevamento che ancora persiste sulle Dolomiti, considerato anche il fatto che l’escursione ai Campanili del Latemar è già di per se una lunga traversata nel periodo estivo, per il 2 giugno, si è pensato quindi di riproporre l’escursione al Monte Tambura annullata a causa del maltempo. 

Descrizione del percorso:
Dal Rifugio “Donegani” 1150 m in Val Serenaia, partendo in direzione sud, si risale un breve tratto della strada carrozzabile appena percorsa in automobile e si va ad imboccare il sentiero 180. Si prosegue fino a quando non ci si trova ad intercettare il sentiero 178, sul quale si continua svoltando a destra. Arrivati a Foce di Cardeto 1680 m si prende ore il sentiero 172, che puntando verso sudest come il cammino compiuto fino a questo momento, giunge al Passo della Focolaccia 1645 m. Da questo momento si prende a salire lungo la sottile e rocciosa cresta nordoccidentale della Tambura, lungo una traccia incerta che corrisponde al sentiero dalla doppia numerazione 36/148. Si guadagna così la sommità della Tambura 1890 m, e non c’è bisogno di aggiungere che sulla cima di questo monte che è tra i più alti del gruppo delle Apuane si viene ripagati da una vista meravigliosa che spazia dal sottostante Mar Tirreno alle vette dell’Appennino Reggiano e Modenese. Continua a leggere

I Fantalpici – Ferrata del Monte Forato

I Fantalpici
22 Aprile 2018
Monte Forato 1223m.
Gruppo Alpi Apuane
Via Ferrata R. Salvatori EEA

Il Monte Forato, noto anche come Pania Forata, rappresenta la propaggine meridionale delle Panie nel gruppo delle Alpi Apuane; pur non potendo competere in mole ed arditezza delle linee con le più possenti Pania della Croce e Pania Secca, è molto caratteristico per il maestoso arco naturale che collega le pendici della cima sud (1223mt) con la cima nord (1209mt), creando uno spettacolare foro di 32 metri di larghezza e 26 metri di altezza. L’itinerario attrezzato percorre la cresta sud-est, che collega la Foce di Petrosciana alla cima meridionale. La via ferrata è di media difficoltà, ma presenta qualche passaggio tecnico all’inizio e in alcuni tratti occorre procedere con molta attenzione perchè la cresta è sottile e con pareti verticali su entrambi i lati.  Continua a leggere

Uscita Speleo area Monte Corchia

corchia speleoUscita speleo
DOMENICA 17 GENNAIO 2016
Grotta nell’area carsica del Monte Corchia
Gruppo Alpi Aapuane

Il complesso carsico del monte Corchia rappresenta uno dei principali sistemi carsici del mondo con i suoi oltre 50 km di sviluppo con grotte che si aprono in una vasta area e a quote altimetriche differenti. Oltre a complessi sistemi di gallerie, il sistema e’ formato anche da un reticolo verticale di pozzi anche profondi e meandri sviluppatisi lungo le fratture principali. Il monte Corchia si eleva nella parte meridionale della catena apuana,nel comune di Stazzema , e si presenta come un piccolo massiccio isolato delimitato sia da pareti verticali sia da ripidi pendii erbosi. All’interno del sistema carsico e’ stato reso turistico un percorso con passaggi di passerelle e scale. L’uscita sara’ aperta sia a persone alla prima esperienza, sia a persone esperte.

Continua a leggere

I Fantalpici – Monte Altissimo (Alpi Apuane)

I FANTALPICI
MONTE ALTISSIMO 1589 m
ALPI APUANE
SENTIERO DELLE CAVE (EE/EEA)
19 Aprile 2015

Descrizione del percorso
Bellissima escursione che segue un itinerario recuperato dal CAI di Pisa e inaugurato il 26 ottobre 2013, ossia l’attuale sentiero 32, attraversando con ampio giro la parete sud dell’Altissimo da sempre utilizzata dai cavatori di marmo, e superando varie cave che in certi casi, risalendo anche ai tempi di Michelangelo, rappresentano degli importanti siti di archeologia del marmo. Si parte dal paese di Azzano 452 m e si percorre un tratto di circa 7 km raggiungendo prima la località La Polla e proseguendo lungo la strada marmifera battezzata la “Via Fanfani”, fino ad arrivare a una zona conosciuta come gli Agheti. Qui, superati alcuni tratti di facile arrampicata, si continua lungo il vecchio sentiero dei cavatori che porta alla cava Tela alla destra della cima. Si utilizzano ora le tracce di un altro passaggio su terreno questa volta franoso e instabile, praticato un tempo dai cavatori per risalire verso la Foce dell’Orcione 1466 m, che si trova sulla cresta sud-est dell’Altissimo. In questo punto è possibile vedere quanto rimane di una postazione tedesca risalente al tempo della Linea Gotica. Continuando a sinistra in direzione ovest, il sentiero 32 si incrocia con il sentiero 143 in prossimità di un’altra postazione militare. Ora, seguendo la cresta lungo zone dove sono ben visibili le tracce dell’antica attività marmifera, si raggiunge la cima dell’Altissimo 1589 m e il suo meraviglioso panorama. Continua a leggere

Sul Pizzo d’Uccello coi Fantalpici

uccello

Il Pizzo d’Uccello dalla Foce di Giovo

I Fantalpici
Pizzo d’Uccello 1781 m
Alpi Apuane
9 Giugno 2013

Descrizione del percorso
Classico percorso che affronta la via normale di una delle più famose cime delle Alpi Apuane, passando sotto l’impressionante parete rocciosa del versante nord.
Dal paese di Ugliancaldo 743 m si prende la carrareccia che conduce alle cave alte del Cantonaccio, e si prosegue fino a raggiungere la conca ingombra di enormi detriti che giace ai piedi della parete nord del Pizzo d’Uccello.
Piegando a sinistra si va all’attacco (1000 m circa) della breve ferrata, che su facili rocce s’innalza fino a Foce Siggioli 1390 m. Qui giunti, si continua in direzione sud sul sentiero 181, e a Foce del Giovetto (1497 m), prima di arrivare alla Foce di Giovo, si devia decisamente a destra imboccando la via normale, segnata, che porta in cima alla nostra montagna. Qui il percorso diviene alpinistico e in qualche tratto è necessario muoversi arrampicando su difficoltà elementari (max II grado): va segnalato che, salvo alcuni brevi momenti iniziali, non ci si trova mai di fronte a passaggi particolarmente esposti. Guadagnata in questo modo l’ampia cima panoramica e spettacolare 1781 m (vista su Appennino Tosco-Emiliano, Pisanino, Monte Sagro, litorale del Mar Tirreno, ecc.), la via di ritorno segue lo stesso percorso dell’andata. Continua a leggere

Fantalpica Pania della Croce

L’imponente mole della Pania della Croce

I Fantalpici
Anello della Pania della Croce 1858 m – EE
Alpi Apuane
21 ottobre 2012

Descrizione del percorso:
La Pania della Croce detta anche “La Regina delle Apuane” è senz’altro la più importante cima dell’intero gruppo montuoso, nonché la più conosciuta e salita dagli escursionisti. Lo stesso nome “Apuane” è una diretta derivazione del termine “Panie”. Un bel giro ad anello unico e pieno di contrasti e un grande panorama che si può godere in vetta; dalla Versilia al Mar Ligure e tutto il crinale appenninico tosco/emiliano. Continua a leggere