Sentieri Resistenti 2014 – non c’è futuro senza memoria

sentieri resistenti 2014Il 25 aprile è una di quelle giornate che segnano la storia di una Nazione e si possono ricavare da giornate come questa gli stimoli necessari per dare, specialmente alle giovani generazioni, dei valori positivi, valori di pace e di democrazia. Valori che in un determinato periodo non ci sono stati. Un 25 aprile per ricordare quindi che l’Italia ha riconquistato la democrazia attraverso la guerra, la sofferenza e le stragi. Questo dovremmo ricordarlo sempre, perché non ci può essere futuro senza memoria. Noi, a modo nostro, ci abbiamo provato.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato.
Paolo e Marco

PS. Questi sotto i titoli dei testi letti durante il percorso. Chi fosse interessato può trovare i testi completi in segreteria:

  • Storia di Castel d’Aiano durante la guerra.
  • Giorgio Caproni, “Tutto”.
  • George Santayana, aforisma sulla memoria.
  • Lettere di quattro condannati a morte di diversa nazionalità della resistenza europea.
  • Helga Schneider, “Il rogo di Berlino”.
  • Tiziano Terzani, “Le cause della guerra sono dentro di noi” .
  • Pablo Neruda, “I nemici”.
  • Josif Brodskij, “C’è gente che muore”.
  • Raoul Follereau, “Non c’è tempo”.

Sentieri Resistenti – I dintorni di Castel d’Aiano

castel daiano

Castel d’Aiano dopo i bombardamenti del novembre ’44

Sentieri Resistenti
25 Aprile 2014
Castel d’Aiano – Appennino Bolognese

Linea gotica (Gotenstellung) fu il nome dato dai tedeschi alla linea lungo cui correva il fronte di guerra in Italia durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale: a nord erano attestati i nazifascisti, a sud gli alleati angloamericani. La linea tagliava in due la penisola italiana da Massa-Carrara a Pesaro e si estendeva per una lunghezza di 320 km e per una profondità che in alcuni punti raggiungeva i 30 km. Castel d’Aiano si trovava proprio nel mezzo di questa linea difensiva, e fu duramente colpita sia da rappresaglie tedesche, sia dai bombartamenti alleati.

Proprio in questi luoghi la nostra sezione organizza un’escursione a tema intitolata Sentieri Resistenti, per camminare dove più di sessant’anni fa, uomini e donne hanno combattuto e sono morti per la libertà, ricordando quei terribili mesi anche con letture e poesie a tema. A fine gita assisteremo ad una proiezione che, insieme ad un plastico multimediale della Linea Gotica, ci farà capire meglio cosa fu e come si svolsero le operazioni militari in quel periodo.  Continua a leggere

Orrido di Gea coi Fantalpici

I Fantalpici
Orrido di Gea – E
Appennino Bolognese
18 novembre 2012

Un facile itinerario ma di grande fascino del nostro Appennino tra Villa d’Aiano e Montese, caratterizzato da una natura rigogliosa con boschi di castagno ancora curati e coltivati, che ci porterà a scoprire i ruderi del Mulino di Gea, dove sono ancora visibili parte del fabbricato e alcune vecchie macine. Qui sarà interessante soffermarsi ad esplorare la zona del letto del torrente, ricco di cascate e pozzi di acqua gelida e cristallina, con particolari formazioni di calcare. Continua a leggere