Webinar – Incontro con il Gestore del Rifugio Città di Carpi

Venerdì 9 Aprile ore 21:00
“INCONTRO CON IL GESTORE DEL RIFUGIO CITTA’ DI CARPI”
Rodolfo Molin ci spiega cosa vuol dire gestire un rifugio sulle Dolomiti.

Webinar in Videoconferenza ZOOM e diretta YouTube con La Famiglia Molin, gestori del nostro Rifugio Città di Carpi, ci racconteranno come si gestisce un rifugio dolomitico a 2110 metri di quota. Un mestiere fatto di tanta passione, amore per l’ambiente e una giusta dose di adattabilità.

Link per partecipare: https://us02web.zoom.us/j/87600962771?pwd=cEM1Lzh3TUJ5MG1XVUlKV1hhdCt6dz09
ID riunione: 876 0096 2771
Passcode: 442562
oppure
Diretta Streaming sul nostro canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCNYakGWh7mvD_ex_A-lZWiQ
Rodolfo Molin, maestro di sci, da quasi 30 anni gestisce il rifugio Città di Carpi, nel cuore dei Cadini di Misurina, insieme alla moglie Sabrina De Florian e ad alcuni dei loro figli. Dopo oltre dieci anni di lavoro come pittore/decoratore a Cortina, ha iniziato con la gestione del rifugio durante l’estate, continuando nei periodi di chiusura (primavera e autunno) il lavoro a Cortina. Durante l’inverno ha fatto per molti anni il maestro di sci a Misurina. Dal 2007 decide per l’apertura del rifugio anche durante la stagione invernale, apportando una serie di interventi per adeguare la struttura in modo da renderla adatta e confortevole per l’inverno.

14/15 Settembre – Alta Via Bepi Zac coi Fantalpici

14-15 Settembre 2019
I Fantalpici
Alta Via Bepi Zac 2840m – EEA
Gruppo Monzoni-Costabella
Pernottamento al Rif. Taramelli

L’Alta Via Bepi Zac è un bellissimo itinerario attrezzato che si sviluppa lunga la cresta rocciosa da Passo Selle a Forcella Laghet sul Gruppo Monzoni in provincia di Trento. Un’alta via dal grande interesse storico per i resti delle trincee e postazioni belliche della Prima Guerra Mondiale. Magnifica la vista sui gruppi che circondano il Monzoni: il Gruppo del Sella, il Catinaccio, il Col Ombert e il Colac con dietro la Marmolada. L’itinerario presenta alcuni punti attrezzati ed esposti che richiedono attenzione sebbene larghi tratti della prima metà della via potrebbero essere considerati facili.

Descrizione del percorso: Continua a leggere

Escursionismo Invernale 09/10 Febbraio al Rif. Sennes

Escursionismo Invernale
09/10 Febbraio 2019
Rifugio Sennes – Dolomiti di Fanes-Senes-Braies

POSTI ESAURITI

1° giorno
Ritrovo parcheggio CAI, via Cuneo 51 – ore 5.30. Arrivo con le auto al Rifugio Pederù e salita al Rifugio Sennes sul sentiero dell’alta via dolomitica n°1. Escursione in zona partendo dal rifugio in funzione delle condizioni di innevamento e meteo. Cena, pernottamento e prima colazione presso il Rifugio Sennes.

2° giorno
Escursione sul bellissimo altopiano di Sennes e discesa al Rifugio Pederù nel pomeriggio (anche per questa escursione influiranno molto le condizioni di innevamento e il meteo). Si pranza al sacco. Rientro.

    • Attrezzatura: ciaspole (da procurarsi autonomamente), bastoncini, abbigliamento invernale, due paia di guanti, occhiali da sole, viveri per pranzo al sacco del sabato e della domenica.
    • IMPORTANTE: Ogni partecipante dovrà obbligatoriamente essere munito di ARTVA – Pala e la sonda (fortemente consigliati ma non obbligatori).
    • Ritrovo: Parcheggio Cai Carpi, partenza ore 5.30
    • Sistemazione:  Trattamento di pernottamento e prima colazione 33€. Cena alla carta (da pagare a parte). E’ obbligatorio il sacco lenzuolo.
    • Contributo di Partecipazione: 10€ soci Cai
  • Per altre informazioni: Marco Bulgarelli 320.4676258 – Paolo Lottini 335.6938728

Escursionismo Invernale 10/11 Febbraio al Passo di Valparola


Escursionismo Invernale

10/11 Febbraio 2018
Passo di Valparola – Dolomiti 

1° giorno
Ritrovo parcheggio CAI, via Cuneo 51 – ore 6.00
Arrivo Rifugio Valparola (a 2 km. dal Passo Falzarego)
Escursione in zona partendo dal rifugio in funzione delle condizioni di innevamento e meteo.
Pranzo al sacco
Ritorno al rifugio
Cena, pernottamento e prima colazione presso il Rifugio Valparola € 63 a testa

2° giorno
Escursione zona 5 Torri con arrivo salita al Rifugio Nuvola e ritorno cercando di fare un giro ad anello 650 metri di dislivello circa (anche per questa escursione influiranno molto le condizioni di innevamento e il meteo). Pranzo al sacco. rientro.

  • Attrezzatura: ciaspole (da procurarsi autonomamente), bastoncini, abbigliamento invernale, due paia di guanti, occhiali da sole, viveri per pranzo al sacco del sabato e della domenica.
  • IMPORTANTE: Ogni partecipante dovrà obbligatoriamente essere munito di ARTVA, pala e la sonda.
  • Sistemazione:  Trattamento di mezza pensione. Lenzuola e asciugamani forniti dalla struttura.
  • Per altre informazioni: Marco Bulgarelli 320.4676258 – Paolo Lottini 335.6938728

I Fantalpici – Monte Colac 2/3 Settembre 2017 ANNULLATA

I Fantalpici
Via ferrata delle Trincee – Bech da Mesdì 2727 m
Via ferrata dei Finanzieri – Colac 2715 m
2-3 Settembre 2017

Causa maltempo, l’uscita è stata ANNULLATA!

Sabato 2 settembre. Via ferrata delle Trincee.  Ferrata di media difficoltà e varia per la complessità del percorso, sicuramente unica per il fatto di snodarsi lungo le guglie e le creste del Crepes de Padon posto di fronte al ghiacciaio della Marmolada, sul versante settentrionale della valle. Superata la paretina iniziale che si innalza a est di Porta Vescovo 2478 m e raggiungibile dal Passo Fedaia 2054 m con il sentiero 698 – una placca, questa, che costituisce il momento più difficile dell’intera via -, si sale e si scende raggiungendo la quota più elevata in corrispondenza del Bech da Mesdì 2727 m. Dopo essersi abbassati, si prosegue lungo tratti privi di cavo superando una zona con visibilissime e interessanti tracce di postazioni della Prima guerra mondiale; si attraversano così anche due gallerie, una delle quali lunga circa 300 m per attraversare la quale è necessaria la frontale, raggiungendo la Mesolina 2642 m e poco oltre il bivacco Bontanini 2552 m, fino al rifugio Padon 2369 m.

Domenica 3 settembre Via ferrata dei Finanzieri. Va detto subito che la Via ferrata dei Finanzieri, che è stata creata nel 1980 e che si innalza sulla ripida parete rocciosa del monte Colac circondato da nomi maestosi e imponenti – Marmolada, Sella e Sassolungo -, in alcune descrizioni viene definita “molto impegnativa”. E’ quindi adatta ad escursionisti con esperienza e ben allenati. Continua a leggere

10 e 11 Settembre – Escursione sulle Dolomiti di Brenta

il Campanile Basso e gli Sfulmini

il Campanile Basso e gli Sfulmini – foto wikipedia

Una fantastica escursione nel gruppo delle Dolomiti del Brenta, conosciute (e invidiate) da tutto il mondo per i suoi suggestivi e imponenti torrioni di roccia, che all’alba e al tramonto si tingono del caratteristico colore rosa e per la straordinaria variertà di ascensioni, percorsi attrezzati e sentieri.
Cammineremo per due giorni in un ambiente davvero spettacolare, ammirando le cime più belle delle Dolomiti di Brenta: Cima Tosa, Campanile Basso e Catena degli Sfulmini.

Programma:

  • Sabato 10 settembre – Partenza da Carpi in Pullman V.le Peruzzi h. 6 – Arrivo a Campo Carlo Magno – Salita in funivia fino alla Cima del Grostè m. 2442 – Dal Passo Grostè al Rif. Tuckett m. 2271 h. 2,30 circa (segnavia n.316) – Cena e pernottamento in rifugio.
  • Domenica 11 settembre – Dal Rif. Tuckett al Rif. Brentei m. 2182 h.2,30 circa (segnavia 328 – 318) con pranzo in rifugio o al sacco – Dal Rif. Brentei si scende al Rif. Casinei h.2 (segnavia 318) – Dal Rif. Casinei al Rif. Vallesinella h. 1 (segnavia 317) – Rientro a Madonna di Campiglio con Navetta dell’Ente Parco Adamello-Brenta – Ritorno a Carpi in serata.
  • Per informazioni e prenotazioni rivolgersi in sede, chiedendo di Luisa o Ernestina.

3 e 4 Settembre – Fantalpici al Piz dles Conturines

Piz-Conturines

Piz dles Conturines da Salares

I Fantalpici
Piz dles Conturines 3064 m
Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies
3/4 Settembre 2016

Descrizione del percorso
Cima rocciosa riconoscibile per la voluminosa massa della sua punta di forma simile a un gigantesco cilindro, posta nel cuore delle Dolomiti in un ambiente grandioso e spettacolare lungo una linea di numerose e imponenti elevazioni rocciose che fanno capo a est alle Tofane e verso nord-ovest al Sas dla Crusc, con il pregio non sempre apprezzato di essere una zona relativamente poco frequentata. Continua a leggere

Ski-Tour della Grande Guerra

7/8 Marzo 2015
Giro della Grande Guerra con gli sci ai piedi.

Grandiosa cavalcata sci ai piedi nei luoghi più belli delle Dolomiti attraversando le linee di combattimento della prima guerra mondiale. Percorrendo piste fantastiche passando per le zone del Sella, della Marmolada del Civetta, delle 5 torri e Lagazuoi. Pernottamento a metà percorso in quota.

  • In collaborazione con NUOVI ORIZZONTI SPORT.
  • Prenotazioni e informazioni presso CAI CARPI e Nuovi Orizzonti.