Wine Trek – Monte Fosola, Big Bench e Cantina Barbaterre

ESCURSIONI DEGUSTATIVE
Monte Fosola 986 m
Appennino Reggiano
Domenica 27 Giugno 2021
Difficoltà E – Escursionistico. Itinerario su sentieri e mulattiere senza difficoltà tecniche.

COMPLETO! Compilando il modulo a fondo pagina sarai inserito nella lista di attesa.

Interessante itinerario storico-architettonico, paesaggistico e naturalistico, nel medio Appennino Reggiano, che si snoda in gran parte lungo il crinale intercorrente tra il Castello delle Carpinete ed il Monte Fosola, in un bosco ceduo a caducifoglie di castagno, carpino, frassino, faggio e roverella, che ricalca una mulattiera e tratti di carrarecce ben segnate.

Lungo l’itinerario incontreremo interessanti affioramenti costituiti da rocce antichissime che a causa dell’erosione atmosferica e della cedevolezza del terreno sottostante, generano strane forme. La stratigrafia di queste rocce sedimentarie intervallate da argille, marne e dalla più dura arenaria, soggetta alla costante erosione leviga queste rocce modellandole e generando forme tondeggianti di grosse dimensioni chiamate “mammelloni”. Continua a leggere

30 Giugno – Escursione degustativa “Dal Monte al Luppolo”

Continuano gli appuntamenti con le escursioni degustative tra natura e gusto con le Sass.

Domenica 30 Giugno vi accompagneremo nella splendida Val di Taro e Val di Ceno per un’escursione attraverso le creste del Monte Barigazzo alla scoperta della misteriosa Città Umbra per poi dirigerci a Borgotaro per degustare i prodotti tipici del territorio accompagnati dalla squisita birra del Birrificio agricolo Turris.

La combinazione Monte Barigazzo con le sue creste e la Città Umbra rappresenta uno dei più suggestivi percorsi di tutto l’Appennino Parmense.

La nostra escursione avrà inizio nei pressi del paese di Varsi, a circa 15 minuti di auto il punto di partenza: il parcheggio “Città d’Umbria”. Saliremo per sentiero sul poggio boscoso su cui sorgono i resti del Castelliere-Città d’Umbria; ciò che colpisce maggiormente di questo luogo veramente magico, più che i resti murari di difficile datazione (alcuni studiosi datano l’insediamento nell’Alto Medioevo, altri invece al II-III a.C.), è la disposizione circolare degli splendidi faggi. Lasciate le rovine, ci dirigeremo attraverso i boschi di faggete ad alto fusto fino alla salita della “cresta facile”, sentiero di cresta molto spettacolare con una larghezza media di almeno 1,5 metri. Raggiungeremo i maestosi prati della Riserva Naturale che ci condurranno alla cima del Monte Barigazzo, caratterizzata dalla presenza di una stele monolitica. Rientremo alle auto chiudendo l’anello attraverso la carrabile che dalla Chiesa conduce alla Città Umbra. Continua a leggere